ottobre 21, 2021     |
@ La posta degli amici

(1) in preparazione ...

# Ricorderemo volentieri

TROVO - 10 OTTOBRE

BLOODY SUNDAY

Alzarsi con il buio e mettersi in macchina per tornare a una tapasciata domenicale, era dal febbraio dell’anno scorso che non accadeva. Guidare in silenzio, ricordare piano piano tragitti percorsi innumerevoli volte, osservare la luce che lentamente si fa spazio nell’oscurità e ritrovarsi a Trovo. Strano gioco di parole. Ritrovare vecchi amici che da troppo tempo ormai osservavi solamente tramite social. Qualche timido cenno di saluto con la mano. Qualche parola, “come va?”, “Hai finito di girare?” “Ti fermi ora?” “No sono solo di passaggio” “Leggo che stai correndo tanto” “ Lo faccio perché credo che il tempo fra un po' mi dirà che è ora di fermarsi”. “Come sta tua mamma?” “Per fortuna ora bene Grazie”. “Via Via dobbiamo fare la foto” … Sorriso … e via ognuno con il suo gruppetto. Atmosfera un po' freddina … per fortuna ho i guanti e il cappuccio. Vero anche che chi scompare da oltre un anno, non può pretendere di più. Inizio a corricchiare e Renato con me accenna a qualche passo di corsa, subito fermato da una voce che gli ricorda che per lui il tempo è scaduto. Mi ritrovo quindi subito solo, le avanguardie probabilmente sono già in prossimità del primo ristoro e le retroguardie sono ancora troppo indietro. Al primo ristoro arrivano Piero e Simona, un sorso d’acqua e via. Li rivedrò solamente in macchina mentre tornavano a casa ed io ancora macinavo gli ultimi km. Sempre al primo ristoro vedo arrivare Fabio e Antonio. Proseguo in compagnia di Fabio mentre Antonio resta ad attendere Maria e Manuela e con loro proseguirà fino al termine. Con Fabio inizia finalmente una corsa, come me la ricordavo, fatta di chiacchiere, di scambi di opinioni, di pareri su come questa pandemia ci ha cambiati, fuori ma soprattutto dentro. Grazie a lui sono riuscito a portare a termine, senza particolare affanno, un chilometraggio che da tempo non facevo. Correre in solitudine, non è poi così male, ma finisci con l’accontentarti di chilometraggi più brevi.

Arrivo … nessun QDR. Ma una volta non ci si aspettava tutti a fine corsa? Non ci si fermava a chiacchierare un po'? Ci si scambiava opinioni sulla corsa e anche altro. Alcune volte addirittura sembrava che non si volesse tornare a casa. Finalmente arrivano anche  Manuela, Maria e Antonio. Alla macchina per cambiarsi e poi insieme un bicchiere di vino con crackers e dolcetti, del pacco gara. Niente di che, ma il tutto particolarmente gradito. Pandemia fa rima con astemia, non ci avevo mai pensato, e voi? In questi ultimi giorni 12 paesi della Comunità Europea hanno chiesto fondi per la costruzione di muri. Cerchiamo di non imitarli e sforziamoci di evitare che sorgano anche tra di noi. Infine il rientro a casa pensando alla mattinata trascorsa. Ma i troppi pensieri mi convincono a piantarla lì e passo ad ascoltare musica a palla. Casualmente la prima è “Bloody Sunday”. Strana coincidenza. Un abbraccio. Lamberto QDR

 

§ Spazio cultura

TITOLO

In preparazione ...

Copyright (c) 2010 Quelli di Rozzano   |  Dichiarazione per la Privacy  |  Condizioni d'Uso